Carenze di vitamine: 7 sintomi che potrete rintracciare sul vostro viso.

Occhi gonfi, angoli della bocca lacerati, pelle pallida - sono tutti sintomi di una carenza di vitamine, che si possono rintracciare sul nostro volto. Una dieta poco varia o sbagliata per il nostro organismo ne è spesso la causa. Naturalmente, bisogna tenere conto che questi sintomi non sono necessariamente la causa di un deficit vitaminico: spesso e volentieri possono significare l'insorgenza di una malattia. Tuttavia, è proprio la carenza delle vitamine stesse ad essere a volte la causa di un disturbo. Per questo, è meglio tenere conto di questi sintomi: oggi ve ne presentiamo 7. 

1. Gengive sensibili

fghj

Se le vostre gengive sanguinano, quando lavate i denti, e avete una spiacevole sensazione intorno ai colletti gengivali, potreste avere una carenza di vitamina C. Il deficit di questa vitamina può essere rintracciato anche dietro altri sintomi, come debolezza, suscettibilità alle infezioni, difficoltà nella guarigione delle ferite. La vitamina C è importante non solo per il sistema immunitario, ma anche per la formazione di collagene, nonché del tessuto connettivo. Per integrare questa vitamina attraverso l'alimentazione, vi consigliamo di consumare cibi come agrumi, paprika, broccolo, cavolo e frutti rossi, che ne sono ricchi. 

2. Pelle pallida

Se non siete naturalmente di carnagione pallida, il colore della vostra pelle può rivelare una carenza di vitamina B12. A seconda della gravità, ma mancanza di questa vitamina può causare disturbi come demenza, paralisi, dolori ai nervi. Se, inoltre, notate dei cambiamenti anche nel vostro umore (maggiore suscettibilità e alterazioni) probabilmente avete un deficit di questa vitamina. La quale, è estremamente importante per il metabolismo, l'energia fisica, la formazione del sangue e la divisione cellulare. È contenuta prevalentemente nei prodotti animali: pertanto, i vegani dovranno integrarla attraverso dei prodotti appositi, assunti se necessario sotto prescrizione medica. Se volete prevenire una carenza, consumate: formaggio, fegato, manzo, ostriche, trote e aringhe. 

3. Capelli secchi

asd

I capelli possono seccarsi, e rovinarsi, a causa di tinte frequenti, asciugature troppo invasive e pieghe. Basterà prendersene cura adoperando prodotti specifici, come creme e balsamo appositi per capelli secchi e sfibrati. A prescindere da quali siano le cause, se i vostri capelli non stanno bene potreste avere una carenza di biotina. Un'altro segnale sono le unghie fragili. Per rimediare a questo problema si consiglia di consumare alimenti ricchi di biotina. Questi sono, ad esempio: prodotti di soia, fagioli, pomodori, uova e farina d'avena. 

4. Lacerazioni agli angoli della bocca

Se, oltre a questo sintomo, avete anche labbra pallide, perdita di capelli, stanchezza e smemoratezza, potreste a tutti gli effetti avere una carenza di ferro. Il ferro è importante per il trasporto dell'ossigeno e la formazione di emoglobina e globuli rossi. Alimenti particolarmente ricchi di ferro sono: fegato di maiale, farina d'avena, lenticchie e spinaci. 

5. Acne 

dfa

Problemi cutanei come acne, eczema, pelle secca o scarsa guarigione delle ferite possono essere attribuiti alla carenza di zinco. Lo zinco svolge un ruolo essenziale nel rafforzamento del sistema immunitario, nonché nella divisione cellulare e nel rinnovamento delle cellule. Se soffrite di brufoli e acne, potreste prendere in considerazione l'idea di assumere un integratore allo zinco, oppure applicare un unguento allo zinco sulle aree colpite. Tuttavia, l'ideale sarebbe colmare questo deficit attraverso l'alimentazione. Alcuni cibi che potrebbero esservi d'aiuto sono: crusca di grano, ostriche, formaggio tipo Edamer, fegato di vitello e semi di zucca. 

6. Palpebre gonfie

Se avete le palpebre sempre gonfie, e senza un motivo apparente, la ragione potrebbe riscontrarsi in una carenza di iodio. Poiché lo iodio è importante per una buona funzione della tiroide, una effettiva carenza può tradursi in disturbi come ipotiroidismo, e tutti i problemi legati alla tiroide, compreso il tumore. Assicuratevi di avere un buon apporto di iodio consumando regolarmente latte, prodotti caseari, yogurt, mirtilli e frutti di mare. Se oltre a questo sintomo soffrite di perdita di capelli, affaticamento e cattivo umore, consultate un medico in modo che possa rilevare se c'è un effettivo ipotiroidismo da curare. 

7. Rughe

xdrtfgzuhi

Con l'età, si sa, arrivano anche le rughe: si tratta di un processo di invecchiamento normale. Tuttavia, se notate la formazione di rughe in un tempo minore, e più velocemente, allora la causa potrebbe essere carenza di vitamina E. La vitamina E contribuisce in modo significativo alla riduzione dello stress ossidativo e della protezione cellulare. In caso di carenza, la formazione di collagene diventa più difficile, rendendo la pelle meno elastica e più sensibile alla formazione di rughe. Questa vitamina è anche molto importante per il rafforzamento del sistema immunitario, per la fertilità e per la salute degli occhi. Attraverso l'alimentazione, potrete integrarla con noci, cereali integrali, cereali, mandorle, oli vegetali (d'oliva, di semi di girasole, di mais). 

Come potete vedere, il nostro volto è in grado di rivelarci tutto ciò che manca al nostro corpo. Per la vostra sicurezza, vi invitiamo sempre a sottoporvi ad esami del sangue accurati e, in generale, alla supervisione del vostro medico di fiducia. 

Commenti

Scelti per voi