Un mese prima dell’infarto: 6 sintomi da non sottovalutare.

Nonostante negli anni i valori siano andati sostanzialmente riducendosi, secondo le statistiche le malattie ischemiche del cuore (infarto) continuano ad essere una delle - se non la principale - causa di mortalità, soprattutto al Nord, come dimostrano, per l'appunto, gli studi statistici effettuati sul territorio. 

Sapevate che il vostro corpo è in grado di darvi sufficienti segnali di un imminente attacco di cuore? Secondo uno studio pubblicato dall'Università di Harvard, solo uno su quattro infarti si presenta all'improvviso, senza lanciare nessun segnale in precedenza. Per questo, essere accorti e saper ascoltare quello che il nostro corpo, spontaneamente, ci comunica, è forse la forma di prevenzione più importante che ci sia. Se anche voi avete fatto esperienza di questi sei sintomi, vi consigliamo caldamente di recarvi dal dottore quanto prima per un consulto. Nel frattempo, vediamo di cosa si tratta! 

Rettungshubschrauber Christoph 36 bei Herzinfarkt im Einsatz

1. Fatica

Se la stanchezza vi coglie solo occasionalmente, non c'è davvero nulla da preoccuparsi: si tratta di una situazione normale, se non si dorme abbastanza o si fa una vita non particolarmente attiva. Ma se siete davvero affaticati, al punto che ogni singola azione, anche quella più semplice come ad esempio salire le scale o portare le buste della spesa, vi provoca un'enorme fatica, non dovreste prendere la situazione alla leggera. La fatica è un segnale più che chiaro di un imminente attacco di cuore: significa che il cuore non sta funzionando come dovrebbe, e che il sangue non sta irrorando in modo correndo il vostro corpo. 

Soft Light

2. Pressione sul petto 

Un segnale decisamente comune di un infarto alle porte è percepire un forte pressione sul cuore, all'altezza del petto. Il dolore si presenta sia davanti, proprio sul cuore, sia dietro, e si estende al collo e al braccio, fino alla parte superiore dell'addome. 

Youtube/BioDigital, Inc.

3. Respiro corto

Avere il respiro corto è un segnale evidente del fatto che il cuore non riesce a trasportare sufficiente ossigeno ai polmoni, e questo potrebbe essere a causa di un blocco lungo le vostre arterie. Se anche voi avete sperimentando questa situazione, è il caso di mettersi in allarme. 

Pixabay

4. Astenia

L'immagine classica legata a questo disturbo è quella di non riuscire ad alzarsi dal letto la mattina. Questo stato è probabilmente causato dal fatto che i muscoli non ricevono sufficiente ossigeno - ed è spesso uno dei chiari segnali di un imminente attacco di cuore. 

5. Vertigini e sudore freddo

Se questi sintomi persistono a lungo, dovreste andare dal dottore. Sudare freddo può essere un chiaro segnale di un infarto in arrivo; le vertigini, invece, sono causate dalla mancanza di ossigeno nel cervello. 

6. Influenza e febbre

Si tratta dei classici sintomi che tutti tendono a sottovalutare, perché troppo "comuni". E invece soffrire di influenza e febbre, e soprattutto non guarirne spontaneamente, può essere considerato un segnale "serio" di un attacco di cuore in arrivo, alla stregua degli altri. 

Pixabay

Se nella vostra famiglia ci sono persone che hanno già sofferto di malattie legate al malfunzionamento del cuore, ma non vi siete mai preoccupati di modificare il vostro stile di vita, a cominciare dalla dieta e dal movimento fisico, forse è il caso di cominciare. Ci sono moltissime cose che si possono fare per abbassare il rischio di avere un infarto. Per cominciare: smettere di fumare e limitare il consumo giornaliero di alcol; ovviamente, seguire una dieta equilibrata, e fare sport regolarmente. E infine, un abitudine molto importante, e spesso sottovalutata: limitare lo stress, o almeno, imparare a domarlo. Se leggere questo articolo vi ha fatto venire qualche dubbio sulla vostra situazione, e quella del vostro cuore, vi consigliamo caldamente di consultare un medico al più presto! 

Commenti

Scelti per voi